Depressione

Se dovessimo definire il nostro tempo in termini patologici potremmo dire che la nostra società è composta da depressi; questa in realtà è una generalizzazione in quanto, dire "sono giù di morale" oppure "sono depresso" non sempre indica la presenza di un disturbo dell'umore, infatti ogni persona, fisiologicamente, sperimenta giornalmente dei momenti in cui si sente triste o giù di morale, questo pèrò non vuol dire che si è depressi.

La depressione come disturbo dell'umore è caratterizzata da una serie di manifestazioni sintomatologiche che hanno come caratteristica principale quella di essere presenti tutto il giorno per un lasso di tempo definito.

Secondo il DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) possiamo parlare di reale depressione solo quando sono presenti cinque o più sintomi contemporaneamente, di cui almeno uno costituito da umore depresso o perdita di interesse o della capacità di provare piacere in quello che si fa. Questi disturbi devono durare almeno due settimane ed essere presenti per buona parte del giorno; inoltre deve essere presente una compromissione del funzionamento nell'ambito lavorativo o familiare. 

Come si presenta il disturbo depressivo

Solitamente chi manifesta i sintomi della depressione mostra umore depresso, frequenti ed intensi stati di'insoddisfazione e tristezza, perdita d'interesse per le attività della vita quotidiana, anche prendersi cura della propria persona o alzarsi dal letto sono attività che vengono vissute con fatica. Frequenti sono i pensieri pessimistici e negativi.

Nelle persone con depressione possiamo ritrovare frequenti difficoltà a livello cognitivo, queste difficoltà riguardano in particolare la capacità di prendere decisioni e risolvere i problemi. Solitamente le persone con disturbo dell'umore presentano ruminazione mentale (il pensiero diviene ripetitivo e centrano solo sul malessere provato  e le ragioni che l'hanno causato), autosvalutazione, autocriticismo e pensieri catastrofici.

A livello emotivo, le emozioni provate più frequentemente sono la tristezza, l'angoscia, disperazione, insoddisfazione, senso d'impotenza, perdita della speranza, senso di vuoto. La persona si sente inutile e vive continui sensi di colpa che la portano ad isolarsi (isolamento sociale), possono essere anche presenti pensieri negativi su se stessi e la vita (ideazioni suicidarie), che possono concretizzarsi in tentativi di suicidio.

Non sempre le persone presentano un disturbo depressivo "puro", questo può infatti associarsi a disturbi d'ansia o medici, oppure può presentarsi in contemporanea con manifestazioni d'eccitamento (euforia, irritabilità, senso di grandezza, loquacità, pensieri veloci ecc.), in questo caso il disturbi depressivo rientra maggiormente all'interno dei disturbi misti dell'umore o dei disturbi bipolari.

Il trattamento della depressione

La depressione può essere efficaciamente trattata a livello psicoterapico. La psicoterapia permette al paziente/cliente di esprimere il proprio malesse e rielaborarlo, aiutandolo ad uscire dal senso di sofferenza e tristezza che lo pervadono, rafforzando l'utostima. In alcuni casi, quando il disturbo dell'umore è persistente o la persona ha sperimentato episodi depressivi ricorrenti e protatti nel tempo alla psicoterapia può essere associata una terapia farmacologica mirata.